"TivolinDistric": 2080 ed oltre

La primavera rotariana del Club di Tivoli ha portato molte fioriture, anticipate ed introdotte dalla cena di gala il 25 Febbraio all’Hotel Hilton di Roma per ricevere ed incontrare il presidente del Rotary International Mr. Ron Burton in visita ufficiale nel nostro distretto. La serata oltre all’incontro personale del presidente R.I. e del Governatore Pier Giorgio Poddighe con tutti i presidenti dei Club del distretto 2080, ha visto il Club di Tivoli in prima fila per ricevere una speciale menzione per il tutoraggio, con la guida di Giovambattista Mollicone, alla formazione del nuovo Club under 35 “Roma Giulio Cesare”. Il nuovo Club, presieduto da Alessio Marino, ha ricevuto la Carta ed ha nominato con l’occasione soci onorari, il Presidente Internazionale, il Governatore, ed il nostro Giovambattista.


Il 25 Marzo, alla presenza del Governatore Pier Giorgio Poddighe, la nostra presidente accompagnata dal marito Mauro da Nicole e Carlo Conversi, Andreina e Dario Vernier e Giovambattista Mollicone ha partecipato alla conviviale inaugurale del Club Giulio Cesare all’Hotel Mediterraneo di Roma, dove i giovani neo rotariani, tra cui Clara Andrei,  sono stati “spillati” da Giovambattista e hanno così iniziato il loro percorso rotariano con l’augurio che possa spesso intersecarsi con il nostro.


Nell’occasione della tradizionale “Carciofolata” il Rotary Club di Velletri ha ricevuto la visita di Nicole e Carlo Conversi e di Lauretta e Francesco Riccardi nostri ambasciatori ai castelli.


Da ricordare anche la partecipazione della cara amica Carla Rastelli Alunni al Premio “D’Andrea” istituito dal Rotary Club di Termoli istituito per premiare meriti nell’azione a favore del sociale. Il progetto di Carla, da anni impegnata per il Centro di Integrazione Sociale CIS di Tivoli, attivo nell’ambito dei portatori di handicap, è stato uno dei più apprezzati, superato soltanto da quello di Pantelleria, isola-approdo dell'Europa per masse di emigranti africani", ed ha permesso al Rotary Club di Tivoli   di ribadire la sua costante attenzione per il sociale e per la collaborazione con la preziosa risorsa dell’associazionismo del volontariato sul territorio. Grazie Carla.


Consegna Gagliar Giulio Cesare

 

Con la cultura per la cultura: i pomeriggi rotariani di Villa d'Este

 

Con la cultura per la cultura: i pomeriggi Rotariani per Villa D’Este

 

La storia e la musica fanno da cornice a un’iniziativa in favore di Villa d’Este programmata dal Rotary Club di Tivoli e dall’organizzazione rotariana dei giovani, il Rotaract, con l’ausilio delle signore rotariane. L’obiettivo è quello di dotare la villa di tre punti di accoglienza che rendano più semplici e gradevoli le visite dei turisti: per raggiungerlo sono stati organizzati due pomeriggi di storia dedicati a Villa d’Este e uno di musica dedicato a Verdi nelle ex chiese dell’Annunziata e di Santo Stefano ai Ferri.

Il giorno dell’inaugurazione dei punti di accoglienza, previsto nella prima settimana di giugno, è stato preceduto da una serie di appuntamenti “preparatori” che hanno messo la storia e le bellezze di Villa d’Este al centro dell’attenzione della città. Lo scorso ottobre il professor Cairoli Fulvio Giuliani è stato il protagonista di una dotta e interessante conferenza nell’ex chiesa dell’Annunziata di via Mauro Macera su “Tivoli tra il Tempio d’Ercole e Villa d’Este”. Un incontro terminato, come i due successivi, attorno a un ricco buffet preparato e offerto dalle signore del Rotary. A marzo è stata organizzata una nuova conferenza, questa volta nell’ex chiesa di Santo Stefano ai Ferri, in vicolo dei Ferri. La direttrice di Villa d’Este, Marina Cogotti, ha approfondito il tema della vita di corte nella villa con un intervento su “Aspetti di vita alla corte dei cardinali estensi: cavalli e scuderie”.

L’ultimo appuntamento ad aprile, sempre nell’ex chiesa di Santo Stefano ai Ferri, per una serata in onore di Verdi: pianista Alessandra Recchia, soprano Michela Varvaro, tenore Enrico Chianca. Con due giovanissimi musicisti cooptati in extremis: Luca Magrini e Rosa Sofia Proietti, che sono stati davvero bravi e hanno superato ogni aspettativa. Anche in quest’occasione le signore rotariane si sono distinte per l’allestimento di uno straordinario buffet.

Già a partire da quest’estate, dunque, Villa d’Este accoglierà i visitatori con un servizio in più nel cortile d’ingresso e nella biglietteria. Il Rotary e il Rotaract di Tivoli hanno infatti deciso di finanziare l’acquisto e di donare alla villa alcune installazioni che verranno utilizzate come punto di contatto iniziale con i turisti. Il primo è un cippo in travertino, realizzato direttamente dalla villa, che verrà sistemato all’ingresso e indicherà i giorni e gli orari di apertura e di chiusura del monumento. Il secondo è invece un cosiddetto “totem multimediale” che verrà posto nei locali della biglietteria: si tratta di un’installazione con uno schermo che trasmetterà ininterrottamente filmati sulla storia, le attrattive e i programmi della villa permettendo ai visitatori di avere un primo sguardo di insieme delle bellezze che si apprestano ad ammirare. Il terzo è infine un nuovo pannello di presentazione con la mappa del monumento e le spiegazioni in più lingue della sua storia, in sostituzione di quello, ormai quasi illeggibile, che si trova attualmente nel cortile d’ingresso.

Caterina Giovannetti Alliegro



Giovedì 21 giugno ore 20.30 in sede: Conviviale del passaggio delle consegne.

Il passaggio delle consegne tra Presidenti di Club segna un importante momento che sottolinea l’avvicendamento, ma anche la continuità nell’impegno rotariano.

Durante la serata il Presidente uscente Alessandro Mattoni ha ripercorso le tappe di un anno molto intenso e del valore personale e coinvolgente di un impegno vissuto a tutto tondo.
Il collare rotariano è poi passato al Presidente entrante, Carlo Conversi, che ha ricordato come si aspetti per l’anno a venire una partecipazione corale e condivisa.


Un grande ringraziamento da parte di tutto il Club ai due Presidenti, ed a Carlo Conversi ed a noi tutti l’augurio di un buon lavoro, all’insegna dell’impegno e dell’amicizia.